recent answers

Mi occorre il riassunto della novella della Marchesa di Monferrato del Decameron di Boccaccio

Il personaggio principale di questa novella è la Marchesa del Monferrato che si dimostra tanto intelligente e scaltra quanto è bella. 

Il Marchese di Monferrato è famoso alla corte di Francia per le sue gesta valorose in guerra, ed è molto conosciuta anche sua moglie la Marchesa per la sua bellezza.

Il re di Francia (Filippo Augusto), dovendo partire per le crociate, decide di organizzare la partenza della sua nave da Genova in modo da passare dal Monferrato a far visita alla Marchesa con l'intento di soddisfare il suo desiderio di lei.

Avvisata dell'arrivo del Re la Marchesa capisce subito le sue intenzioni e si prepara ad affrontarlo.

La Marchesa organizza un banche tto dove fa servire solo galline. Alla prima battuta del Re, la Marchesa lo blocca con un motto di spirito che, senza offenderlo, gli fa capire che lei sa dove il Re vorrebbe arrivare e perchè ha organizzato questa improvvisa visita ma che non ci sarà nella da fare con lei.

A questo punto al Re, demoralizzato, non resta che terminare il pranzo e andarsene.

20 febbraio 2013 13:22
Voto positivo
0%
Voto negativo
0%

Riassunto della quarta novella della prima giornata del Decameron di Boccaccio

Un giorno un frate che era considerato da tutti virtuoso e di grande fede un incontra una bella ragazza e la vuole possedere.

La porta con sé nella sua cella e i due passano dei bei momenti insieme.

L'abate lo scopre e finge di niente per poter indagare meglio, ma lui sa di esser stato scoperto e, con una scusa, esce. L'abate entra nella sua cella per parlare con la ragazza, ma non resiste alla sua bellezza e anche lui va a letto con la ragazza, mentre il frate lo spia. Quando il frate rientra l'abate vuole dargli la punizione, ma il frate gli fa capire di averlo visto intrattenersi con la bella ragazza. L'abate quindi è costretto a soprassedere e insieme lasciano uscire la ragazza, che rientrerà spesso al convento per il piacere di entrambi.
20 febbraio 2013 13:22
Voto positivo
0%
Voto negativo
0%

Riassunto della novella di Maestro Alberto del Decameron di Boccaccio

 Maestro Alberto, un medico settantenne di Bologna, s'innamora di una giovane vedova, Malgherida Ghisolieri, e comincia a passare continuamente sotto casa sua.

Un giorno lei e le sue amiche decidono di farlo entrare per schernirlo.

Lui entra e si siede, ma capisce subito lo scopo delle donne e, quindi, risponde per le rime ai loro discorsi sibillini facendogli capire che anche se è attempato non è quel vecchio bacucco che loro pensavano. Le donne restano tutte di sasso e lui si congeda molto amichevolmente.
20 febbraio 2013 13:22
Voto positivo
0%
Voto negativo
0%

Riassunto della novella del cocchiere e di Teodolinda del Decameron di Boccaccio

Il cocchiere della regina Teodolinda si innamora di lei, ma cerca di resistere alla sua passione.

Col passare del tempo nascondere il suo amore diventa sempre più difficile, così il cocchiere decide di cercare di possederla o di perire nel tentativo.

Una notte spia Re Agilulfo e vede come il Re fa a farsi riconoscere dalla Regina che lo fa entrare. La notte seguente lo imita e, sfruttando la sua somiglianza col Re e l'oscurità, giace con Teodolinda. Quando Agilulfo va e "cercare" la Regina lei ne resta stupita e glielo dice. Il Re capisce l'inganno, ma tace per non turbarla. Agilulfo si reca nelle abitazioni della servitù e scopre il colpevole, ma non lo uccide, gli taglia i capelli per poterlo riconoscere il giorno seguente. Il cocchiere capisce l'intento del Re e taglia i capelli a tutti gli altri servitori, così Agilulfo, la mattina seguente, non lo riconosce. Con questo stratagemma il cocchiere riesce a salvarsi, perché il Re, per non rovinare né la sua reputazione né quella della Regina, decide di tacere.
20 febbraio 2013 13:22
Voto positivo
0%
Voto negativo
0%

Mi fate un breve riassunto della novella di Erminio de Grimaldi e Gugliemo Borsiere del Decameron?

Ermino de' Grimaldi era il Signore più ricco di Genova, ma era anche il più avaro.

In quel periodo era arrivato a Genova Guglielmo Borsiere, uno stimato uomo di Stato, che, sentito parlare di "Ermino Avarizia", lo volle incontrare.

Ermino gli fece visitare la sua casa e gli chiese cosa far dipingere di mai visto su una parete. Guglielmo gli rispose che lui non aveva sicuramente mai visto la Cortesia. Ermino ci rimase talmente male che da quel giorno divenne il Signore più generoso di Genova.
20 febbraio 2013 13:22
Voto positivo
0%
Voto negativo
0%

Come si possono classificare le entrate nell'amministrazione pubblica?

Le entrate pubbliche possono classificarsi secondo vari criteri. Sotto il profilo dell'incidenza economica si distinguono in:

- Le entrate correnti sono alimentate dal flusso di reddito prodotto nell'anno dal settore privato e dal settore pubblico; le principali entrate correnti sono i tributi prelevati ai cittadini e i proventi delle pubbliche imprese. (IRPEF, IVA)

- Le entrate in conto capitale incidono sulla consistenza del patrimonio dello Stato (o altro ente pubblico).

- Le entrate per accensione di prestiti assorbono il risparmio liquido accumulato dai cittadini; per esempio l'emissione di titoli del debito pubblico, offerti sul mercato ai sottoscrittori dietro corresponsione di un interesse.

A seconda della loro ripetitività nel tempo le entrate si distinguono in:

- entrate ordinarie, che si rinnovano regolarmente ad ogni esercizio. Hanno carattere ordinario la massima parte dei tributi e i proventi delle imprese pubbliche. - entrate straordinarie, che ricorrono in un solo esercizio o comunque saltuariamente e in via eccezionale. Sono esempi di entrate straordinarie le imposte applicate una volta tanto (una tantum) e i proventi dell'alienazione di beni patrimoniali.

A seconda della fonte da cui derivano le entrate possono essere:

- originarie, provenienti dai beni che appartengono allo Stato (o altro ente) a titolo di proprietà privata oppure dall'esercizio di imprese industriali o commerciali. Dal punto di vista giuridico sono disciplinate da norme di diritto privato. Le entrate originarie prendono il nome di prezzi e si distinguono in prezzi privati e prezzi pubblici (quando lo stato si comporta da privato).

- derivate, provenienti dalle economie private. Possono avere carattere coattivo o non coattivo. I prestiti sono entrate derivate non coattive, perché di regola vengono sottoscritti volontariamente da coloro che scelgono di investire i loro risparmi nei titoli del debito pubblico. Le entrate derivate coattive sono quelle che lo Stato e gli enti pubblici prelevano dalle economie private, grazie al loro potere di imperio. I tributi sono prelievi coattivi di ricchezza imposti ai privati per provvedere ai fini di pubblico interesse. Queste sono le imposte, le tasse e i contributi. Le sanzioni pecuniarie hanno un carattere punitivo e sono le multe (per reati gravi, come i delitti), le ammende (le contravvenzioni) e le pene pecuniarie.

19 febbraio 2013 15:14
Voto positivo
0%
Voto negativo
0%

ASKuola non valuta nè garantisce l'accuratezza dei contenuti inviati dagli utenti. Leggi le Condizioni di Utilizzo del Servizio

.